Ercolano ricorda Salvatore Barbaro. Il sindaco Buonajuto: “Costruiamo la città intorno alla cultura e alla legalità”

“Un momento di ricordo nel nome di Salvatore Barbaro, ma oggi ricordiamo anche una Ercolano che prima era ostaggio della malavita organizzata che grazie al coraggio dei commercianti, al lavoro straordinario delle forze dell’ordine e della magistratura è una città libera” – queste le parole di Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano nel giorno dell’anniversario della morte di Salvatore Barbaro, vittima innocente della criminalità organizzata.

Era il 13 novembre del 2009 quando il giovane cantante di Ercolano fu ucciso per errore, perché aveva la stessa automobile del boss. Salvatore è stato ricordato nel corso di una cerimonia in Largo Barbaro, lungo via Mare, nel luogo dove oggi campeggia una targa in sua memoria.

“Questa strada verrà intitolata a Salvatore Barbaro perché vogliamo ricordare un ragazzo che è stato ucciso per errore, semplicemente perché guidava la stessa auto di un boss. Questa zona verrà riqualificata attraverso una passeggiata archeologica, perché l’obiettivo dell’amministrazione è quello di costruire intorno alla cultura e alla legalità. Dove prima c’era la camorra, domani dovranno esserci i turisti, i giovani e la bellezza” – ha spiegato il sindaco.

Alla cerimonia erano presenti anche i familiari di Salvatore, il senatore Sandro Ruotolo, il vice prefetto Giovanna Cerni, il magistrato Pierpaolo Filippelli, il Comandante della Legione Carabinieri Campania Fernando Stefanizzi, Nino Daniele già sindaco di Ercolano e le massime autorità civili e militari, gli esponenti dell’associazione antiracket.

E proprio sull’importanza di mantenere viva la memoria si è soffermato il senatore Sandro Ruotolo: “che resta un’azione fondamentale soprattutto per quelle generazioni che non hanno vissuto quel periodo. Oggi Ercolano non è più quella di 11 anni fa, ma la ferita non è ancora chiusa, la battaglia contro la criminalità organizzata non è ancora vinta, bisogna mantenere alta l’attenzione per evitare di tornare in quel disastro”.

Sulla stessa lunghezza d’onda le parole del Comandante Fernando Stefanizzi che ha elogiato l’attività della magistratura, di tutte le forze dell’ordine e delle tante “forze sane del territorio che aspettano un ulteriore riscatto. Abbiamo tante competenze per fare del bene ad un territorio che ha bisogno di legalità per crescere nella cultura e nel lavoro”.

Ercolano. Buonajuto: Primo consiglio comunale in un museo chiuso, la cultura resti motore del nostro sviluppo

“Ho voluto che fossero gli spazi del Museo Archeologico Virtuale ad ospitare il primo consiglio comunale di Ercolano, perché mai come in questo momento vogliamo ribadire con forza e determinazione che la cultura deve essere il motore della crescita e dello sviluppo del nostro territorio” – è quanto dichiara in una nota Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano.

“Riapriamo simbolicamente un museo, oggi chiuso a causa della pandemia covid19, perché è attraverso la cultura che si riesce ad avere, non soltanto una crescita economica, ma soprattutto una crescita sociale per il nostro Paese. Voglio ringraziare, a tal proposito, Luigi Vicinanza, presidente della Fondazione Cives, per aver subito accolto la mia proposta” – conclude il vice presidente nazionale dell’Anci e esponente di Italia Viva.

L’intervento del sindaco Buonajuto nel corso del consiglio comunale:

Ercolano, Buonajuto: “Via libera alla realizzazione di tre parcheggi in città”

“Tre nuovi parcheggi per ridisegnare la mobilità in città. Con il via libera in giunta, facciamo un ulteriore passo avanti verso la realizzazione di opere strutturali fondamentali per il futuro di Ercolano. Ho voluto, d’accordo con la mia squadra di governo, che fossero questi i primi atti deliberati in giunta in questo avvio di secondo mandato. La realizzazione di questi tre nuovi parcheggi rappresentano un tassello fondamentale per la nuova mobilità cittadina” – è quanto dichiara Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano subito dopo l’approvazione degli atti propedeutici alla realizzazione delle aree di sosta in Piazza Pugliano, via Bordiga e in Piazza Trieste.

Dopo il via libera in Giunta, ora si potrà provvedere alla gara d’appalto per la concessione delle aree parcheggio di Piazza Pugliano e di Via Bordiga. Per quanto concerne l’opera multipiano di Piazza Trieste, invece, sarà realizzata con un project financing, mediante procedura di evidenza pubblica.

Ercolano. La Municipale chiude bar per cinque giorni, violazione norme anti covid

Intensificati i controlli della Polizia Municipale su tutto il territorio di Ercolano al fine di scongiurare assembramenti e garantire il rispetto delle norme anti contagio da covid19.

Gli agenti, coordinati dal comandante Francesco Zenti, hanno controllato varie attività commerciali. In particolare è stato sanzionato con una multa di 400 euro e la chiusura immediata per 5 giorni della Terrazza Vesuvius. Gli agenti sono hanno accertato la mancata registrazione dei clienti presenti all’interno del locale, la mancanza dei cartelli con indicazione del personale e assembramenti in atto.

I controlli continueranno anche nei prossimi giorni.

Ercolano. Ciro Buonajuto ufficializza la nuova giunta

“Un giusto mix di esperienza e competenze per proseguire il lavoro fatto in questi cinque anni. Una squadra di donne e di uomini che hanno come unico obiettivo il bene comune e la crescita di Ercolano. Tante sono le sfide che ci attendono nei prossimi mesi. Nell’immediato è nostro obiettivo concludere i progetti e i cantieri in essere, anche se sappiamo tutti che l’emergenza covid resta una priorità altissima.” – così Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano, ha ufficializzato la sua nuova giunta. “Manca un solo tassello, ma ho deciso, di concerto con tutta la maggioranza, di attendere ancora qualche altro giorno per completare la squadra. Nell’interesse esclusivo della nostra città, però ho inteso firmare i decreti di nomina per gli altri assessore così che ognuno possa operare in piena legittimità” – conclude il primo cittadino.

COMPOSIZIONE GIUNTA E DELEGHE

Vice Sindaco avv. Luigi Luciani: Vesuvio; Trasporti; Toponomastica; Beni confiscati e beni acquisiti al patrimonio comunale; Patrimonio; Turismo.

Assessore ing. Gioacchino Acampora: Servizi Cimiteriali; Viabilità; Parcheggi; Rapporti con le associazioni di categoria; Rapporti con ordini professionali; Affissione cartellonistica; Politiche per la periferia; Finanziamenti e fondi pubblici regionali, nazionali ed europei di Enti sovraordinati e terzi di concerto con gli assessori competenti nei rispettivi settori.

Assessore Mariarca Cascone: Politiche Occupazionali; Politiche per la infanzia (città a misura di bambino); Pace e Cooperazione Internazionale; Attivazione processi di partecipazione democratica (consulte cittadine); Politiche sanitarie; Politiche per la famiglia; Tradizioni religiose; Rapporti con le associazioni; Politiche giovanili; Servizi alle imprese (start up ed internazionalizzazione); Water front.

Assessore dott. Luigi Fiengo: Storia, identità cittadine, tradizioni ed eventi popolari; Politiche Agricole e prodotti tipici; Servizi demografici e statistici; Polizia Municipale; Nettezza Urbana; Verde pubblico; Protezione Civile; Risorse umane; Sviluppo della sicurezza cittadina e Videosorveglianza; Autoparco.

Assessore dott.ssa Anna Giuliano: Pubblica Istruzione; Trasporti scolastici; Risorsa mare e demanio marittimo; Politiche ambientali; Rapporti con le istituzioni scolastiche e programmazione dell’edilizia scolastica comunale; Avvocatura; Edilizia scolastica; Lotta alla dispersione scolastica.

Assessore avv. Lucio Perone: Lavori Pubblici; Attuazione del programma; Regolamenti comunali; Legalità e trasparenza; Affari generali; PICS; Risorse finanziarie; Controllo di gestione; Affari legali; Politiche di contrasto al degrado Analisi tecnico-giuridica della produzione normativa e regolamentare, ai fini della correttezza e tempestività dei procedimenti amministrativi; Programmazione Finanziaria; Entrate e Politiche di Bilancio; Programmazione finanziaria dei servizi socio sanitari; Politiche di inclusione e sul disagio di concerto con gli assessori competenti nei rispettivi settori.

Deleghe in capo al sindaco: Innovazione tecnologica e smart city; Politiche veterinarie e benessere animale; Immagine e promozione della città; Biblioteca, relazioni internazionali; Politiche energetiche; Rapporti con associazioni anticriminalità; Riconoscimento del patrimonio culturale cittadino dall’UNESCO; Rapporti con il clero; Rapporti tra il Consiglio Comunale, la Giunta ed il Sindaco; Rapporti con ANCI; Urbanistica (edilizia, Piano Commerciale – SIAD e PUC).

Con successivo decreto saranno assegnate le seguenti deleghe: Attività produttive; Arredo urbano; welfare; Cultura; Rapporti con il flag e con il comparto pesca; Politiche Sociali; pari opportunità; Politiche della casa; Integrazione dei soggetti diversamente abili e dei soggetti a rischio di esclusione sociale (anziani, immigrati, sostegno al reddito delle fasce povere della popolazione), Legge n. 328/00; Valorizzazione dell’apporto alla vita cittadina dei diversamente abili.

Buonajuto: “Non vorrei che la crisi economica e sociale possa creare più danni del Covid19”

“Una rappresentanza dei commercianti, che oggi hanno manifestato per le strade della città di Ercolano, hanno voluto consegnarmi le chiavi del loro esercizio commerciale. Un gesto simbolico, ma che sottolinea lo stato di difficoltà che stanno vivendo commercianti e imprenditori, dopo l’entrata in vigore del nuovo Dpcm” – è quanto dichiara in una nota Ciro Buonajuto, vicepresidente nazionale ANCI e sindaco del Comune di Ercolano.

“Non vorrei che la crisi economica e sociale possa creare più danni del Covid19. L’ultimo provvedimento del Governo ha interessato una serie di attività commerciali che, all’indomani del lockdown, erano state obbligate a sostenere investimenti per adeguare le loro strutture. Sforzi e risorse che al momento appaiono inutili. Non è giusto che gli onesti paghino le stesse conseguenze di chi non se ne è fregato nulla” – spiega l’esponente di Italia Viva.

“Lo stesso dicasi per i luoghi della cultura, cinema e teatri, mai definitivamente riaperti dopo il lockdown della scorsa primavera. L’emergenza sanitaria esiste ed è reale, ma allo stesso tempo esiste ed è reale anche una emergenza sociale ed economica. La mia preoccupazione è che proprio in questi momenti la criminalità possa allargare i suoi tentacoli e trovare terreno fertile per i suoi affari puntando sulla disperazione di persone che non vedono uno spiraglio per un futuro migliore” – conclude Buonajuto.

Cerimonia per manifestare vicinanza alle famiglie dei tre pescatori dispersi in mare

cerimonia in comune2Una cerimonia per manifestare la vicinanza della città ai familiari dei tre pescatori dispersi in mare al largo di Gaeta si è tenuta stamattina presso il Comune di Ercolano. Oltre alle autorità, rappresentate dal sindaco Ciro Buonajuto e dal Presidente del Consiglio comunale Luigi Simeone, e dal Comandante Rosario Meo, Capo del Compartimento Marittimo di Torre del Greco, hanno preso parte all’iniziativa un centinaio di cittadini tra cui i familiari delle vittime ercolanesi della tragedia del Moby Prince di cui quest’anno ricorre il venticinquesimo anniversario. La cerimonia si è conclusa con un momento di preghiera alla presenza del parroco don Andrea De Luca nell’atrio del Comune dinanzi alla lapide che ricorda le vittime del mare di Ercolano.

«Mostrare vicinanza alle famiglie di tre nostri concittadini che vivono delle ore tanto tribolate è un atto importante per la nostra Comunità cittadina. Ringrazio i familiari delle vittime del Moby Prince, che da 25 anni convivono con il lutto di una tragedia che non potrà mai essere dimenticata, per aver preso parte a questo momento di raccoglimento. Prima di questa cerimonia in Comune, sono stato a casa della moglie del Capitano Giulio Oliviero, uno dei tre pescatori attualmente dispersi, per informarla della vicinanza dell’Amministrazione e della Città tutta. Sono rimasto colpito dalla sua forza d’animo e le ho assicurato il massimo sostegno da parte del Comune per fare in modo che le indagini sulle cause del naufragio del peschereccio proseguano in maniera scrupolosa e che, fino a quando non si avrà alcuna certezza sulla sorte dei tre pescatori, vengano continuate tutte le possibili attività di ricerca dei dispersi», così il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto.

Vesuvio express ed artificieri hanno permesso di disinnescare del materiale esplosivo sulla stazione della vesuviana

Stamattina è stata bloccata per oltre quattro ore la stazione delle  Circumvesuviana di Ercolano Scavi a causa di materiale esplosivo trovato sui binari tra Ercolano e Torre del Greco. Grazie agli artificieri per il tempestivo intervento e grazie alla Vesuvio Express che ha attivato un servizio di bus gratuito Ercolano-Napoli per limitare i disagi a centinaia di turisti.
Grazie a nome di tutta la città agli operatori della Vesuvio Express, avete dimostrato ancora una volta che :

Ercolano ha un cuore grande.